AMBIENTE

Sostenibilità e responsabilità sociale in Finmeccanica
In una società come l’attuale, e soprattutto come quella che ci si presenterà nel prossimo futuro, le imprese sono destinate a giocare una parte sempre più importante.
Per ottenere un riconoscimento sempre maggiore, per essere considerata parte integrante della collettività e venire identificata come elemento indispensabile dello sviluppo sociale...












Buoni propositi, pochi obiettivi
Intervista con Giuseppe Onufrio, Direttore di GREENPEACE ITALIA e Gianfranco Bologna, Direttore Scientifico WWF ITALIA
Vertici, incontri, summit. A livello mondiale, nazionale, locale. Sembra che da qualche anno il tema ambientale sia entrato prepotentemente nelle agende degli uomini più potenti della terra...

Emergenza smog nelle città italiane
Intervista con Giorgio Zampetti Responsabile Scientifico LEGAMBIENTE
Qualità dell'aria sempre più scarsa nei nostri centri urbani a causa delle famigerate poleveri sottili - PM10 - emesse in larga parte dal traffico veicolare...

È l'uomo il male del mondo
Intervista con Attilio D’Arielli, Giornalista, Scrittore e Storico dell’Ambiente
Non compare mai in pubblico, non presenzia a feste o riunioni di partito, non twitta, non chatta, non gli interessa farsi fotografare...

Pagelle verdi ai comuni italiani
Vittorio Cogliati Dezza Presidente Nazionale Legambiente - Giorgio Orsoni, Sindaco di Venezia - Massimo Federici, Sindaco di La Spezia - Marco Zacchera, Sindaco di Verbania
Per trovare le città più sostenibili bisogna andare a Nord. Di limiti, di lacune, di pecche abbonda invece il Sud...




I progetti di Acea per Roma Capitale
Acea
La mobilità sostenibile come priorità assoluta. È più che una sfida per ACEA che ha messo in campo diversi progetti, tutti molto importanti...

La rivoluzione elettrica
A cura di Andrea Molocchi - Responsabile Studi - Amici della Terra Italia
I numeri delle vendite di auto elettriche sono ancora esigui (solo 300 le elettriche “pure”, su 1.748.143 auto immatricolate in Italia nel 2011)...

L'Italia del riciclo
Intervista con Edo Ronchi, Presidente Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile
L'Italia è l'unico paese dell'Unione Europea che da anni affronta in maniera cronica il problema dello smaltimento dei rifiuti...

L'acqua, una priorità nazionale
Intervista con Mauro D’Ascenzi - Vicepresidente FEDERUTILITY
La situazione dell’acqua in Italia è un paradosso continuo: abbiamo le tariffe più basse del mondo, gli investimenti bloccati...

Sviluppo e compatibilità ambientale
Intervista con Diana Bracco - Presidente Fondazione Sodalitas
L’esigenza di promuovere uno sviluppo economico capace di proteggere l’ambiente e le sue risorse non può essere una preoccupazione solo di pochi individui e di alcune grandi imprese...

Occupazione sempre più green
Intervista con Franco Fontana - Direttore Business School - LUISS
Un settore anticiclico che vede crescere del 7% la propria occupazione anche nel pieno della crisi...

Fate largo all'eco-consumatore
Intervista con Tiziana Toto - Responsabile Politiche dei consumatori - CITTADINANZATTIVA
Fate largo all’eco-consumatore. Perché l’ecologia è fatta anche di piccole cose, di azioni quotidiane...

ENERGIA

Quanto corrono le rinnovabili
Intervista con Angelo Alessandri, Presidente Commissione Ambiente – Camera Deputati
Boom di energie rinnovabili in Europa, un trend che vede allineato il nostro Paese. Infatti “Per quanto riguarda, in particolare, l’energia elettrica...

Il mondo pulito targato Falck Renewables
Intervista con Piero Manzoni, Amm. Delegato FALCK RENEWABLES
Falck Renewables SpA sviluppa, progetta, realizza e gestisce impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili...

Alla ricerca di un filo conduttore
A cura di AIGET - Associazione Italiana di Grossisti di Energia e Trader
AIGET, nata nel 2000 con l’inizio delle liberalizzazioni dei mercati energetici italiani, rappresenta gli interessi dei nuovi operatori...

Che sprint per il fotovoltaico !
Intervista con Alessandro Cremonesi, Presidente Comitato IFI
Il fotovoltaico supera l'eolico e diventa la prima fonte energetica rinnovabile d'Italia, a eccezione dell'idroelettrico...

È solo questione di… vento !!!
Intervista con Alessandro Giubilo, Presidente ASSIEME
Ci sono i parchi eolici, così come abbiamo imparato a conoscerli e a vederli in numerosissime immagini o servizi giornalistici...

L’eolico diventa accessibile
Intervista con Enrico Bruschini - Socio di ENERGIE ETICHE
Il vento è strano, lo sa bene chi và a vela, in kite o in deltaplano! Bisogna capire quanto ce n'è, dove sta, bisogna che sia di "buona qualità"...

Agricoltura come opportunità
Intervista con Stefano Masini, Responsabile Ambiente e Consumi COLDIRETTI
“Lo sviluppo del potenziale energetico dell’agricoltura italiana dipende da numerosi fattori, alcuni dei quali di ordine strutturale...

A tutta efficienza
A cura dell’ENEA - Agenzia Nazionale per le nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile
Cos’è l’efficienza energetica. Fare efficienza energetica significa adottare sistemi per ottenere uno stesso risultato utilizzando meno energia...

Liberi di scegliere?
Intervista a Paolo Cazzaniga, Responsabile area inchieste - centro competenza prodotti Italia - ALTROCONSUMO
È vera liberalizzazione del mercato elettrico? Forse sì, ma con luci e ombre. Ormai infatti tutti i clienti sono liberi di scegliere il loro fornitore...

Energia & consumatori: più servizi web e rinnovabili
A cura di Accenture
I consumatori italiani preferiscono il web e i social media per interagire con i fornitori di energia elettrica...

Pianificazione sostenibile, pensando “verde”
Intervista con Federico Oliva, Presidente INU e Alessandro Calzavara, Presidente ASSURB
Progettare, riqualificare costruire pensando “verde”. L’aspetto della sostenibilità ambientale e del risparmio energetico...

Partner

Editoriale
Siamo logorati dalla speranza. È questo il problema di coloro che hanno cercato di difendere gli ecosistemi della terra. Ogni volta che i governi si incontrano per discutere della crisi ambientale, ci sentiamo dire che si tratta del vertice dell’ “ora o mai più” dal quale dipende il futuro del mondo.
Le premesse del Summit Rio 2012 erano celebrative di un evento che vent’anni prima (Rio 1992) aveva suscitato presa di coscienza mondiale e legittime aspettative. Proprio questo approccio commemorativo avrebbe consentito e meritato più coraggio, più partecipazione e visionarietà. Ma i grandi della terra si sono via via defilati svuotando questo appuntamento da qualsiasi impegno negoziale. “The Future We Want”, il documento finale, è stato figlio di un compromesso inutile che non serve e scontenta tutti. L’ennesimo inganno.
Quello che a Rio nel 1992 era un dubbio oggi è diventato così una certezza: sono pochissimi gli uomini e i governi che si impegnano realmente a cambiare rotta. Forse il tempo dei grandi Summit sulla Terra è finito: per salvare il pianeta servono atti concreti.
In questo grave contesto di immobilità delle politiche nazionali per l’ambiente (e della politica internazionale) è interessante, notare che sempre più cittadini del mondo, nelle diverse realtà geografiche, “fanno da soli”, creano nel loro lavoro, nella loro personale economia di vita (di sostentamento) forme di “sviluppo verde”, a prescindere da ogni appoggio politico, che non viene, che non c’è.
La sovrappopolazione e la crisi ecologica porteranno alla fine delle risorse e delle fonti energetiche tradizionali, all’inquinamento generalizzato, a mutazioni dell’eco-sistema e alla perdita di benessere del genere umano. I danni ambientali non si scaricano tutti insieme in un contesto ben definito, ma si distribuiscono giorno per giorno accumulandosi in maniera impercettibile (per ora). Come si può pensare a una reazione significativa se il danno non è percepibile? Ed allora, siccome ancora “non succede”, l’illuminata èlite che governa la Terra può sempre sperare che avvenga il più tardi possibile.

.Dossier SALUTE
La salute degli italiani si trova ora più che mai sotto il fuoco incrociato della crisi economica e, sebbene gli effetti di questa congiuntura negativa si rendano manifesti con una certa latenza di tempo, salta già agli occhi come comincino a risparmiare su azioni preventive di base. Gli italiani, se costretti a fare economia, tagliano dove possono – dalle visite specialistiche, ai farmaci – e cercano risposte rapide al moltiplicarsi dei piccoli disturbi, in aumento anche in funzione del carico psicologico legato all’incertezza. Sempre più spesso lo fanno a spese proprie, per continuare a svolgere le funzioni quotidiane in famiglia e al lavoro e a tener testa a tutti gli impegni sempre più stringenti.

Il sistema sanitario in controluce
Fondazione Farmafactoring, Cergas Bocconi e Censis

La Sanità è veramente malata?
Giovanni Monchiero - Presidente FIASO e Filippo Fordellone - Consigliere Nazionale UGL Medici

Quanto piace l’ospedalità privata
Fausto Campanozzi - Segratario Nazionale CIMOP

E io faccio il medico... all’estero
Biagio Papotto - Segretario Generale CISL Medici

Attenzione al bricolage in Sanità
Salvo Calì - Segretario Generale SMI

Quando ci rubano la salute
Francesco Lauri - Presidente Osservatorio Sanità

La persona, la nostra missione
Maria Saraceno - Presidente AVO Milano

Quando l’ambiente fa paura
Roberto Romizi - Presidente Associazione Medici per l’Ambiente - ISDE Italia

Rari ma uguali
Nicola Spinelli - Vice Presidente Uniamo ONLUS

Quanto lavoro per il soccorso 118
Andrea Fabbri - Segretario Nazionale SIMEU

Archivio
Ricerca libera
Ricerca avanzata >>