Pagine Monaci/Cittadino e Pubblica Utilità con Dossier Mobilità

LA MOBILITÀ SOSTENIBILE COME PRIORITÀ ASSOLUTA

I progetti di Acea nella Capitale

A cura di ACEA

La mobilità sostenibile come priorità assoluta. È più che una sfida per ACEA che ha messo in campo diversi progetti, tutti molto importanti. Dal Protocollo d’Intesa con Enel e Roma Capitale per “L’installazione di 200 colonnine di ricarica per veicoli elettrici”, all’accordo con Fiat per “La fornitura di veicoli a emissioni zero, ma non solo”. Vediamoli nel dettaglio.


Duecento colonnine di ricarica per una città sempre più green. Imprimere un forte impulso alla mobilità sostenibile. È questo l’obiettivo del Protocollo siglato ad aprile da Acea, Enel e Roma Capitale. L’accordo prevede l’installazione di 200 colonnine di ricarica per veicoli elettrici, cento da parte di Enel e cento da parte di Acea, dotate di una tecnologia in grado di garantire l’interoperabilità sia tra le infrastrutture delle due aziende, che con i punti di ricarica già installati da Enel nell’ambito del progetto E-Mobility Italy. La condivisione tra Enel e Acea di tecnologie di ricarica interoperabili consentirà notevoli vantaggi logistici ed economici: chi utilizza un veicolo elettrico potrà ricaricarlo indifferentemente su infrastrutture Enel e Acea, sia a Roma che nei comuni limitrofi, utilizzando un’unica card e pagando la ricarica comodamente in bolletta, secondo il contratto sottoscritto con il proprio venditore di energia. L’integrazione tecnologica tra le infrastrutture di ricarica di Enel e Acea, inoltre, renderà possibile la scelta della mobilità elettrica anche per i molti cittadini che vivono fuori Roma e lavorano nella Capitale, e viceversa.
Un primo, importante progetto pilota, unico in Italia in questo settore, accompagna la firma del protocollo: lo storico mercato romano di San Cosimato, servito dalla rete di distribuzione Acea, verrà rifornito da veicoli a “zero emissioni” provenienti da Guidonia, comune servito dalla rete di Enel Distribuzione, dove ha sede il grande Centro Agroalimentare di Roma.
La rete di duecento infrastrutture Enel e Acea, che si configura come la più vasta in Italia su suolo pubblico, potrà essere realizzata grazie all’impegno di Roma Capitale nel coordinamento, pianificazione e velocizzazione delle procedure d’installazione. Inoltre, il Campidoglio si impegna a favorire la mobilità elettrica anche attraverso la sensibilizzazione delle aziende municipalizzate affinché utilizzino veicoli a zero emissioni nelle loro flotte. Già nel febbraio dello scorso anno Acea e Enel avevano siglato un Memorandum of Understanding per unire le forze nello sviluppo dell’infrastruttura di ricarica elettrica, a partire dalla sperimentazione nella Capitale.
Fulcro dell’accordo proprio la collaborazione tra le due Aziende al fine di accelerare la convergenza delle soluzioni tecnologiche di ricarica dei veicoli elettrici in un unico standard nazionale ed europeo, promuovendo presso gli enti regolatori la definizione di un assetto legislativo che favorisca la mobilità elettrica. A questo scopo, il memorandum prevedeva il lancio di test e progetti pilota congiunti di mobilità elettrica a Roma e in altre città e regioni italiane, a valle di specifici accordi con i soggetti istituzionali competenti; lo sviluppo nel medio termine dell'infrastruttura di ricarica per i veicoli elettrici a Roma, nonché accordi con costruttori di veicoli elettrici finalizzati alla sperimentazione e alla diffusione dei veicoli nei territori di comune interesse. Le due società avrebbero vagliato anche la possibilità di iniziative di ricerca e sviluppo congiunte in ambito europeo.

Acea a emissioni zero grazie ai veicoli commerciali elettrici. Un progetto pilota della durata di 18 mesi per la fornitura di veicoli a emissioni zero. Ma non solo. L’accordo siglato a inizio 2012 tra Acea e Fiat prevede oltre all’acquisto di Fiorino Cargo a trazione elettrica (trasformati dalla società Micro-Vett), anche la condivisione delle informazioni tecniche relative al loro funzionamento e lo studio congiunto di possibili sviluppi in tema di mobilità elettrica, nel territorio di Roma Capitale. Un primo lotto di 40 veicoli a trazione elettrica è già stato consegnato ed è operativo per le strade di Roma: questo lotto e i successivi andranno gradualmente a integrare il parco dei veicoli commerciali, attualmente in dotazione di Acea, composto da circa 3.000 unità, a stragrande maggioranza modelli del Gruppo Fiat.
Acea Distribuzione ha programmato investimenti nei prossimi 5 anni per oltre 110 milioni di euro nello sviluppo di reti intelligenti (smart grid) nella città di Roma, attraverso l’ammodernamento e l’automazione degli impianti esistenti, lo sviluppo di impianti di accumulo di energia e l’utilizzo diffuso di veicoli a trazione elettrica. La Società ha avviato un programma di ricerca per sperimentare nuove e moderne tecnologie di ricarica rapida, di connessione di impianti fotovoltaici, nell’ambito di un progetto di sviluppo sperimentale delle smart grid approvato dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas.



Archivio
Ricerca libera
Ricerca avanzata >>