Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetto







Chiarimenti sulla trasmissione telematica fatture


L'Agenzia delle entrate, con la risoluzione n. 87/E del 5 luglio 2017 ha fornito chiarimenti, a integrazione di quelli contenuti nella circolare n. 1/E/2017, sulla trasmissione telematica dei dati delle fatture emesse e ricevute in attuazione delle disposizioni di cui all'articolo 1, comma 3, D.Lgs. 127/2015 e dell'articolo 21 D.L. 78/2010.


In particolare, il documento contiene le risposte ad alcuni dei dubbi sollevati dai professionisti, da Assosoftware e dalle associazioni di categoria:


1. Integrazione e rettifica della comunicazione: È possibile integrare e rettificare la comunicazione "dati fattura" anche oltre il 15° giorno dal termine di adempimento, ravvedendo l'omissione o l'errore ai sensi dell'articolo 13 D.Lgs. 472/1997.


2. Invio comunicazione per "competenza": I dati riferiti alle fatture emesse vanno sempre inviati "per competenza" in funzione del periodo di riferimento. Pertanto, ad esempio, la comunicazione "dati fattura" riferita al primo semestre del 2017 dovrà contenere le informazioni relative alle fatture emesse con data dal 1° gennaio 2017 al 30 giugno 2017. Relativamente ai dati delle fatture ricevute, la "competenza" va riferita alla data di registrazione del documento.


3. Fatture emesse da "autotrasportatori": Gli autotrasportatori che si avvalgono della facoltà di differire la registrazione al trimestre successivo devono comunicare i dati delle fatture emesse nel trimestre in cui il documento viene registrato sul registro Iva. Al mittente sarà segnalata l'incompatibilità della data di emissione con il periodo di riferimento, ma tale segnalazione automatica non avrà conseguenze sulle elaborazioni future.


4. Bollette doganali: I campi "Identificativo Paese" e "Identificativo Fiscale" del cedente/prestatore devono essere obbligatoriamente compilati anche per le comunicazioni dei dati delle bollette doganali. Nel caso in cui l'"Identificativo Paese" venga valorizzato con un codice Paese extracomunitario, l'"Identificativo Fiscale" può essere valorizzato liberamente. Tuttavia, al fine non di creare aggravi per i contribuenti che dispongono di software contabili che non consentono di disporre dell'informazione da riportare nei campi "Identificativo Paese" e "Identificativo Fiscale" del cedente/prestatore extracomunitario, è consentito – solo con riferimento alle comunicazioni del periodo d'imposta 2017 – valorizzare, all'interno della sezione , l'elemento informativo con la stringa "OO" e l'elemento con una sequenza di undici "9" .


5. Variazione dati anagrafici del Soggetto mittente e dei Clienti e Fornitori: Nei campi della sezione "Altri dati identificativi", riferiti alle informazioni anagrafiche dei contribuenti (denominazione, nome, cognome, sede), è possibile indicare sempre l'informazione più aggiornata a disposizione, a prescindere dalle informazioni anagrafiche effettivamente presenti nelle varie fatture. Peraltro, qualora non fossero disponibili le informazioni relative alla sede delle controparti, le relative informazioni obbligatorie possono essere valorizzate con la stringa "Dato assente". Per le fatture semplificate, rimane l'obbligo di indicare esplicitamente Nome, Cognome o Denominazione qualora gli identificativi fiscali non fossero indicati.


6. Fatture acquisto FCI ex articolo 74: Le fatture di acquisto fuori campo Iva ex articolo 74 del D.P.R. 633/1972, qualora registrate, devono essere trasmesse con natura "N2".


7. Corretta valorizzazione dell'informazione "Tipo Documento" Nel caso in cui la stessa fattura riguardi sia cessioni Ue che prestazioni Ue, l'elemento informativo "Tipo Documento" va valorizzato utilizzando un criterio di "prevalenza" legato all'importo delle cessioni e delle prestazioni. Pertanto, se il valore delle cessioni è maggiore rispetto a quello delle prestazioni, si valorizzerà l'elemento informativo con il valore "TD10 – Fattura per acquisto intracomunitario beni" e viceversa. Se la comunicazione riguarda una nota di credito di un acquisto intracomunitario, l'elemento informativo "Tipo Documento" va valorizzato con il valore "TD04".


8. Fatture "cointestate": Nel caso di una fattura cointestata, emessa nei confronti di cessionari/committenti non soggetti passivi (B2C), la compilazione della sezione "Identificativi Fiscali" va effettuata riportando i dati di uno solo dei soggetti. L'emissione di una fattura "cointestata" verso cessionari/committenti soggetti passivi Iva (B2B) non si ritiene plausibile.


9. Operazioni di esportazione in "regime del margine": Le esportazioni effettuate da un soggetto in regime del margine vanno riportate con natura "N3".


10. Comunicazione dati delle fatture di acquisto/vendita intracomunitarie: Per gli acquisti intracomunitari effettuati ai sensi dell'articolo 42 del D.L. 331/1993, va riportata: (i) la natura "N3" nel caso di operazione "non imponibile" e (ii) la natura "N4" nel caso di operazione "esente".


11. Codice "Natura" per acquisti da contribuenti in regime agevolato: Il codice "Natura" da riportare per le fatture ricevute da contribuenti minimi e forfettari è "N2".

Francesco Barbieri
(riproduzione riservata)

In collaborazione con

21/07/2017
redazione@paginemonaci.it
paginemonaci.it

Condividi su Facebook



I Guinigi
Con le testimonianze di Comau, Coster, Electrolux Italia, Palazzoli e Remazel
ECCELLENZA NELLO SVILUPPO PRODOTTO
L’evento del 4 marzo a Milano conclude la Campagna Nazionale Qualità Galgano 2019 e rilancia la nuova edizione

>> leggi

Guarda il manifesto










 


Università e imprese
Per il Rettore Francesco Bonini (LUMSA) "l'internazionalizzazione, basata su una chiara identità, è un importante motore di sviluppo culturale e aziendale"

leggi tutto



Sorgente Group Alternative Investment: la generazione degli immobili iconici
Sorgente Group Alternative Investment, attraverso le tre holding Sorgente Group Spa (Italia), Sorgente Group of America (Usa) e Main Source (Lussemburg) opera nei settori degli immobili, della finanza, del risparmio gestito, delle infrastrutture, dei restauri, alberghi e cliniche, comunicazione...

leggi tutto



Siamo logorati dalla speranza. È questo il problema di coloro che hanno cercato di difendere gli ecosistemi della terra...

leggi tutto


Copyright © 2019 Guida Monaci S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Sede: Via Salaria 1319 - 00138 Roma - Tel. +39 068887777 Fax +39 068889996
Capitale Sociale euro 1.688.769,00 - C.F. e Reg. Imprese Roma 00398260588 - P. IVA 00879951002