Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetto







Errati versamenti da parte dei contribuenti


L’Agenzia delle Entrate con la circolare n. 27 del 2 Agosto 2013, è intervenuta per chiarire alcuni dubbi interpretativi con riferimento al caso in cui il contribuente provveda al versamento delle imposte sui redditi (IRPEF, IRES E IRAP) nel maggior termine di 30 giorni dalla scadenza prevista, senza però applicare, in tutto o in parte, la prevista maggiorazione, ovvero, determinando l’imposta e, conseguentemente, la maggiorazione, in misura inferiore a quanto dovuto.
L’Agenzia ha evidenziato tre casi di particolare rilevanza:


  • Se l’integrale versamento della maggiorazione debba considerarsi presupposto costitutivo per effettuare il versamento nel termine lungo, con la conseguenza che carenti versamenti determinerebbero il tardivo versamento dell’imposta per l’intero ammontare.

In relazione a questo quesito l’Agenzia ha risposto che, se è dovuta una imposta maggiore rispetto a quella calcolata e versata nel termine lungo, questo versamento non è da considerarsi tardivo ma semplicemente insufficiente. Quindi la sanzione, in misura ordinaria deve essere calcolata sulla differenza tra quanto versato nel “termine Lungo” e quanto dovuto. In tale ipotesi, il contribuente può comunque decidere di regolarizzare l’errore commesso mediante l’istituto del ravvedimento, di cui all’art.13 del D.Lgs. 18 dicembre 1997, n. 472.

  • Se l ’efficacia dell’ Istituto del ravvedimento operoso sussiste, laddove le somme dovute siano state commisurate al minor versamento eseguito nel termine lungo.



In un primo caso, cioè quando il contribuente provvede al versamento dell’imposta dovuta solo parzialmente, ed interessi e sanzioni sono versati solo parzialmente, ma in proporzione all’imposta, il ravvedimento si considera perfezionato solo sulla parte dell’imposta versata, mentre per la parte residua verranno applicati interessi e sanzioni in misura ordinaria.
Un altro caso più complesso, è quando il contribuente effettua un versamento complessivo di imposta, sanzioni, interessi in misura inferiore al dovuto e le sanzioni e/o interessi non siano commisurati all’imposta versata a titolo di ravvedimento. In tale evenienza il ravvedimento potrà ritenersi perfezionato con riferimento alla quota parte dell’imposta.

  • In questo caso si parla di errori marginali commessi dal contribuente nel versare delle somme dovute per la definizione degli avvisi di accertamento.



Se il contribuente intende beneficiare dell’art. 15 del D.Lgs. n 218/97 ma incorre in un errore materiale o di calcolo nel versamento delle somme dovute, l’acquiescenza possa ritenersi validamente perfezionata, purchè la differenza tra quanto dovuto e quanto pagato sia di lieve entità, con l’eventuale integrazione del dovuto. Analoghe indicazioni valgono nel caso in cui il contribuente intenda beneficiare dell’art. 17 del D .Lgs. n.472/97.

Eduardo Oliva
(riproduzione riservata)

In collaborazione con

14/09/2013
redazione@paginemonaci.it
paginemonaci.it

Condividi su Facebook

Potrebbero interessarti anche:

Studi di settore: Via libera ai correttivi anticrisi
...
Pagamento compensi amministratori
...
Scade il prossimo 30 Aprile l’obbligo di comunicazione all’Agenzia delle Entrate dei dati delle strutture sanitarie Private
...
Oneri detraibili e deducibili, chiarimenti dell'Agenzia
...
LA DEDUZIONE FISCALE DEL COSTO DEI CONTRATTI DI LOCAZIONE FINANZIARIA
...
NEWS DEL MESE DI SETTEMBRE 2016
...
Pelli riconfermato Presidente dei laureati LUISS
L'assemblea ha rinnovato gli organi sociali confermando la Presidenza il biennio 2017/2019...
Accertamento
...
Locazioni in nero e rischi per il proprietario
...
Esselunga prima nella gdo
Secondo uno studio di R&S Mediobanca sui principali gruppi della gdo in Italia, il gruppo fondato da Bernardo Caprotti ha cumulato nel quinquennio 2009-2013 utili per oltre 1,1 miliardi di euro contro...
Imposta di successione in F24
...


I Guinigi
Con le testimonianze di Comau, Coster, Electrolux Italia, Palazzoli e Remazel
ECCELLENZA NELLO SVILUPPO PRODOTTO
L’evento del 4 marzo a Milano conclude la Campagna Nazionale Qualità Galgano 2019 e rilancia la nuova edizione

>> leggi

Guarda il manifesto










 


Università e imprese
Per il Rettore Francesco Bonini (LUMSA) "l'internazionalizzazione, basata su una chiara identità, è un importante motore di sviluppo culturale e aziendale"

leggi tutto



Sorgente Group Alternative Investment: la generazione degli immobili iconici
Sorgente Group Alternative Investment, attraverso le tre holding Sorgente Group Spa (Italia), Sorgente Group of America (Usa) e Main Source (Lussemburg) opera nei settori degli immobili, della finanza, del risparmio gestito, delle infrastrutture, dei restauri, alberghi e cliniche, comunicazione...

leggi tutto



Siamo logorati dalla speranza. È questo il problema di coloro che hanno cercato di difendere gli ecosistemi della terra...

leggi tutto


Copyright © 2019 Guida Monaci S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Sede: Via Salaria 1319 - 00138 Roma - Tel. +39 068887777 Fax +39 068889996
Capitale Sociale euro 1.688.769,00 - C.F. e Reg. Imprese Roma 00398260588 - P. IVA 00879951002