Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetto







Il Paese può farcela (politica permettendo)


Confindustria Fermo è in prima linea per il rilancio del territorio. Un modello da esportare anche in altre realtà del Paese. Perchè uniti si vince. Parla Roberto Cardinali, Presidente del Comitato Piccola Industria di Confindustria Fermo.

I mesi avvenire saranno decisivi per la ripresa. Lei si sente ottimista?

Premesso che la ripresa economica viene segnalata da molti autorevoli organismi per il 2014, è necessario essere prudenti. Infatti, pur in presenza di un trend positivo di crescita delle nostre aziende sui mercati esteri, il mercato interno è ancora in affanno, considerati soprattutto i segnali negativi che vediamo ancora sul fronte occupazionale e dei consumi. A questo punto diviene essenziale la stabilità politica, ma soprattutto una azione incisiva del Governo per ristabilire un clima di fiducia fra imprese e consumatori. A fronte di un cambiamento epocale dello scenario economico, servono interventi altrettanto forti e straordinari per un decisivo recupero della competitività. I palliativi dal buon gusto mediatico creano solo ulteriore incertezza e tirano ancora di più il freno a mano della nostra economia. C’è bisogno di un colpo di reni per non innescare un pericoloso fenomeno di deindustrializzazione. Perché senza fabbriche non ci potrà essere ripresa.

Partendo dal fatto che un rapporto il più stretto possibile con il territorio è oggi un obiettivo irrinunciabile per un’associazione, quali sono le direttrici sulle quali la Confindustria Fermo intende “plasmare” la propria azione?


La Confindustria di Fermo è parte ed espressione stessa del nostro territorio, forte di un tessuto produttivo fatto da piccole e medie aziende familiari che competono e si distinguono in tutto il mondo. Nella nostra Territoriale stiamo lavorando da tempo su tre direzioni primarie, strategiche per il contesto attuale: credito, internazionalizzazione e formazione. Su questi obiettivi continueremo a concentrare i nostri sforzi nel medio termine, portando avanti quanto di concreto abbiamo già realizzato. Riguardo al tema del credito, abbiamo recentemente costituito Rete Confidi Marche, un consorzio in rete insieme ai Confidi di Confindustria Ancona, Macerata ed il Confidi Coop per poter operare al meglio in tutto il territorio marchigiano. Per l’internazionalizzazione, abbiamo avviato una proficua collaborazione con Assocalzaturifici, con molte iniziative che vanno dalla Cina ai paesi dell’Est, fino agli USA. Con l’azienda speciale della CCIAA abbiamo avviato un programma di iniziative per l’industria del cappello e per il turismo. Le sezioni Metalmeccanica ed Agroalimentare stanno portando avanti progetti da sviluppare con la Regione e con le CCIAA. In tempi di crisi economica e mancanza di lavoro, Confindustria Fermo, con la collaborazione di Camera di Commercio, Ipsia, Assocalzaturifici e Provincia, ha deciso di investire anche sulla formazione riattivando la fabbrica pilota di Montegranaro. A marzo di quest'anno 11 persone, fra diplomati e disoccupati, hanno frequentato il primo corso di formazione in tecnico premontatore. Al termine, sono state assunte da altrettante imprese del territorio a tempo indeterminato. In questo mese di settembre è uscito il secondo bando della fabbrica-pilota per un corso di formazione, gratuito, di 400 ore per montaggio e cucitura “Blak Rapid” che prenderà avvio dalla prima decade di novembre. La nostra società di servizi SIF, insieme alla Ascom di Fermo, ha gestito poi per la Provincia di Fermo molti corsi di formazione per la riqualificazione di operai cassa integrati. Come Piccola Industria, siamo stati poi impegnati con il progetto “ImpresAmica”, una card per tutti i dipendenti delle aziende associate, tramite cui è possibile usufruire di sconti particolari presso strutture convenzionate: dalla sanità ai carburanti, passando per i tanti prodotti offerti dalle aziende associate. Un modo per rivelare un volto diverso della nostra Confindustria, che giocherà sempre di più un ruolo a sostegno del territorio. Come nell’occasione in cui abbiamo supportato, con mezzi e materiali e in tempi strettissimi, 2 operazioni della locale Protezione Civile dell’Unione Comuni Valdaso durante il terremoto in Emilia, coordinando le imprese associate. Fatti, piccoli segni tangibili che ci stimolano a proseguire il nostro percorso sulla via della concretezza.

Veniamo al concorso “Ripensiamo al futuro”: la risposta alla crisi parte da giovani…

La risposta è nei numeri e nei risultati. Sono stati oltre 900 gli studenti partecipanti, da tutte le Marche: ricchi di idee, colmi di speranze e con una spiccata capacità progettuale. Le ragazze vincitrici della prima edizione hanno presentato un business plan per la realizzazione di una casa vacanze, in un piccolo comune Fermano, destinata esclusivamente ad offrire relax e cure a persone con particolari disabilità. Un modo per unire turismo, valorizzazione del territorio, accoglienza, imprenditorialità. Il progetto è stato anche apprezzato da una importante cooperativa del territorio che si è messa a disposizione, nelle vesti di tutor, per valutare l’opportunità di realizzarlo concretamente. Il concorso è diventato così una vetrina importante dove i giovani hanno avuto occasione di confrontarsi e mettere a frutto il proprio talento. Stiamo ora lavorando alla seconda edizione del concorso. Il bando sarà presentato in occasione del prossimo PMI DAY della Piccola Industria, a Novembre. Ci auguriamo di replicare il successo della prima edizione e di poter ospitare a Fermo giovani e professori da tutta Italia, in occasione della premiazione che avverrà a giugno 2014. Non mancheranno delle sorprese.

30/09/2013
redazione@paginemonaci.it
paginemonaci.it

Condividi su Facebook

Potrebbero interessarti anche:

I nuovi Tribunali specializzati per contenziosi riguardanti società con sede all’estero
...
Confindustria Fermo ripensa al futuro
Confindustria Fermo premia le migliori idee del Concorso "Ripensiamo al futuro"...
Tutto pronto per IVA 2016
...
LA DEDUZIONE FISCALE DEL COSTO DEI CONTRATTI DI LOCAZIONE FINANZIARIA
...
Pelli nominato ad di Askanews
Luigi Abete lascia la carica di Amministratore delegato ma rimane nel CdA....
Stampa registri, nuovi termini
...
Liquidazione Iva di gruppo, modifiche alla disciplina
...
Quando scatta l’incertezza normativa
...
I nuovi Tribunali specializzati per contenziosi riguardanti società con sede all’estero
...
List fa sfilare Cenerentola a Singapore
E' stato un party esclusivo all'insegna del lusso quello organizzato lo scorso 16 ottobre da List Fashion Group nel suo store di Singapore, in collaborazione con la maison di gioielli Dymenz....
Prorogato il termine per l’invio dati TS
...


Lopard Publishing












 


Università e imprese
Per il Rettore Francesco Bonini (LUMSA) "l'internazionalizzazione, basata su una chiara identità, è un importante motore di sviluppo culturale e aziendale"

leggi tutto



Sorgente Group: la generazione degli immobili iconici
Il Gruppo Sorgente, attraverso le tre holding Sorgente Group Spa (Roma), Sorgente Group of America (New York) e Sorgente Group International Holding (Londra) istituisce e gestisce fondi immobiliari...

leggi tutto



Siamo logorati dalla speranza. È questo il problema di coloro che hanno cercato di difendere gli ecosistemi della terra...

leggi tutto


Copyright © 2015 Guida Monaci S.p.A. - Tutti i diritti riservati - Sede: Via Salaria 1319 - 00138 Roma - Tel. +39 068887777 Fax +39 068889996
Capitale Sociale euro 3.762.850 - C.F. e Reg. Imprese Roma 00398260588 - P. IVA 00879951002