Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetto







In arrivo le lettere sulla dichiarazione Iva


L'Agenzia delle entrate, con il provvedimento direttoriale del 3 maggio 2017, protocollo n. 85373, ha reso note le modalità con le quali verranno segnalate ai contribuenti le possibili irregolarità inerenti l'omessa presentazione della dichiarazione Iva 2017 o l'erronea presentazione della stessa causa compilazione del solo quadro VA.


L'Agenzia delle Entrate rende disponibili tali informazioni per una valutazione della correttezza dei dati in suo possesso, in modo da permettere al contribuente di fornire elementi, fatti e circostanze non conosciuti dall'Agenzia stessa in grado di giustificare le presunte anomalie. I dati a disposizione sono, in particolare, il codice fiscale e la denominazione/cognome e nome del contribuente; il numero identificativo della comunicazione e l'anno d'imposta; le dichiarazioni Iva presentate per l'anno d'imposta 2015 e per l'anno d'imposta 2016, con relativo protocollo identificativo e data di invio. L'Agenzia delle Entrate comunica i dati indicati all'indirizzo Pec e li rende altresì consultabili nel "Cassetto fiscale"; il contribuente, anche tramite intermediari abilitati, può chiedere informazioni o segnalare alle Entrate eventuali elementi, fatti e circostanze non conosciuti con le stesse modalità. I contribuenti che non abbiano presentato la dichiarazione Iva relativa all'anno d'imposta 2016 possono regolarizzare la propria posizione presentando la dichiarazione entro 90 giorni decorrenti dal 28.2.2017, versando le sanzioni in misura ridotta. I contribuenti che abbiano presentato la dichiarazione Iva relativa all'anno d'imposta 2016 compilando il solo Quadro VA possono regolarizzare errori ed omissioni eventualmente commessi attraverso il ravvedimento operoso di cui all'art. 13, D.Lgs. 18.12.1997, n. 472, con una riduzione delle sanzioni a seconda del tempo trascorso dalle violazioni stesse e a prescindere dalla circostanza che la violazione sia già stata constatata o che siano iniziati accessi, ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di controllo di cui gli interessati abbiano avuto formale conoscenza, salvo la notifica di un atto di liquidazione, irrogazione di sanzioni o in generale di accertamento, o il ricevimento di comunicazioni di irregolarità o degli esiti del controllo formale.

Elio Andolfi
(riproduzione riservata)

In collaborazione con

09/05/2017
redazione@paginemonaci.it
paginemonaci.it

Condividi su Facebook



Galgano
Con le testimonianze di Comau, Coster, Electrolux Italia, Palazzoli e Remazel
ECCELLENZA NELLO SVILUPPO PRODOTTO
L’evento del 4 marzo a Milano conclude la Campagna Nazionale Qualità Galgano 2019 e rilancia la nuova edizione

>> leggi

Guarda il manifesto










 


Università e imprese
Per il Rettore Francesco Bonini (LUMSA) "l'internazionalizzazione, basata su una chiara identità, è un importante motore di sviluppo culturale e aziendale"

leggi tutto



Sorgente Group Alternative Investment: la generazione degli immobili iconici
Sorgente Group Alternative Investment, attraverso le tre holding Sorgente Group Spa (Italia), Sorgente Group of America (Usa) e Main Source (Lussemburg) opera nei settori degli immobili, della finanza, del risparmio gestito, delle infrastrutture, dei restauri, alberghi e cliniche, comunicazione...

leggi tutto



Siamo logorati dalla speranza. È questo il problema di coloro che hanno cercato di difendere gli ecosistemi della terra...

leggi tutto


Copyright © 2019 Guida Monaci S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Sede: Via Salaria 1319 - 00138 Roma - Tel. +39 068887777 Fax +39 068889996
Capitale Sociale euro 1.688.769,00 - C.F. e Reg. Imprese Roma 00398260588 - P. IVA 00879951002