Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetto







La parola d'ordine è qualità


Con la crisi che continua a mordere le aziende, per gli impenditori è sempre più importante presentarsi al mercato con tutte le carte in regola. Federico Grazioli, presidente di Accredia, l'ente italiano per l'accreditamento, svela i vantaggi di una buona certificazione.

D:Con la crisi che continua a mordere le imprese, presentarsi competitivi sul mercato e agli occhi di clienti o potenziali partners, è ormai fondamentale. In questo senso in che modo ‘certificare la qualità’ può facilitare questo processo?

R: La qualità resta una parola chiave delle produzioni made in Italy. Anzi, viene considerata come una delle principali leve strategiche per operare nella fase di crisi. È questo emerge in modo chiaro dall’Osservatorio Accredia-Censis che abbiamo presentato qualche giorno fa a Roma.

Per affrontare un momento di crisi, come quello che vivono oggi le imprese, è importante fornire loro strumenti efficaci che possano aiutarle a presentarsi competitive sul mercato nazionale ed internazionale.

In questa prospettiva le certificazioni Iso 9001 risultano un investimento utile tanto più se, da una parte, il sistema, garantito da Accredia, assicura la competenza e l'imparzialità degli organismi che rilasciano tali certificazioni, corroborate dal valore del nostro accreditamento, e, dall'altra, la Pubblica Amministrazione saprà tradurre sul piano operativo il principio, fissato solo sulla carta, che attribuisce alle certificazioni di qualità il ruolo di alleggerire il carico burocratico che oggi grava sulle imprese.

D: Certificazioni alla mano l'impresa è più forte dinnanzi al mercato, specialmente quando ci si misura con competitor stranieri. Sorge però spontaneo chiedersi se tutto questo funzioni, in un certo senso, anche con le banche, al fine di ottenere il credito.

R: Buona parte della crescita delle nostre esportazioni, pur nella fase di crisi grave in cui versa la nostra economia, è determinata dall'elevata qualità che all'estero è riconosciuta ai prodotti italiani. La certificazione non è ovviamente l'unico strumento per mantenere elevata la capacità competitiva dell'impresa, ma certamente aiuta a tenere meglio sotto controllo molte variabili strategiche interne, a razionalizzare i processi e ad operare secondo standard che oggi i mercati esteri pretendono.

Il rapporto con le Banche è un aspetto delicato in cui lo strumento della certificazione rilasciata sotto accreditamento sicuramente può funzionare come indicatore positivo tra quelli presi in considerazione dagli Istituti di credito. D’altro canto precedenti indagini, elaborate, sempre in collaborazione con il CENSIS, hanno dimostrato anche che le imprese certificate ISO 9001 presentano performance migliori almeno sotto il profilo della redditività e della gestione corrente delle imprese: indici come il Roi ed il Roe, o la rotazione del capitale circolante e la gestione dei crediti si rivelano sistematicamente migliori presso le imprese certificate rispetto ad imprese prive di certificazione.

D: Gli ultimi dati diffusi dall'osservatorio Censis-Accredia testimoniano come il ricorso alle certificazioni sia in crescita, nonostante la recessione. Quanto pesa il ricorso a tali strumenti in una logica di ripresa?

R: Il 73% delle piccole e medie imprese certificate ritiene che l’Iso 9001 contribuisca a migliorare le prestazioni dell’azienda e a risparmiare sui costi. E il 14% considera questo tipo di certificazione come una scelta strategica che ha permesso di compiere un vero salto di qualità. Solo l’8% non attribuisce nessuna utilità alla certificazione e appena il 5% la considera un appesantimento burocratico.

Non è un caso che dallo studio emerga che gran parte delle aziende analizzate, soprattutto quelle di piccole dimensioni, vedono nella certificazione Iso 9001 uno strumento per partecipare in modo adeguato a gare d'appalto. Questo vale per il mercato interno, ma anche per molti mercati esteri a cui le imprese italiane oggi guardano

19/04/2013
redazione@paginemonaci.it
paginemonaci.it

Condividi su Facebook

Potrebbero interessarti anche:

Le Imprese Italiane si certificano
ACCREDIA, l'Ente unico nazionale di accreditamento, evidenzia la cresita del 37% del numero delle imprese che investono nelle certificazioni in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro. ...
Principi contabili: emanate le bozze dell’Oic n. 10 e Oic n.15
...
Italia seconda in classifica nel mondo dopo la Cina
In Italia sono oltre 83 mila le aziende dotate di un sistema di gestione della qualità secondo gli standard Uni En Iso 9001: siamo il secondo paese al mondo per numero di certificazioni dopo la Cina....
Società di persone e pluralità dei soci
...
Comunicazione telematica per il lavoro accessorio
...
LA DEDUZIONE FISCALE DEL COSTO DEI CONTRATTI DI LOCAZIONE FINANZIARIA
...
Determinazione del contributo annuale a carico degli iscritti nel registro dei revisori legali
...
Novità per i notai e soggetti coinvolti negli atti di compravendita
...
Principi contabili: emanate le bozze dell’Oic n. 10 e Oic n.15
...
Hotel, i top spender in Italia nel 1° semestre
Provengono dal Medio Oriente i viaggiatori che hanno speso di più per soggiornare in hotel in Italia nella prima metà del 2014...
Durc on line
...


Lopard Publishing












 


Università e imprese
Per il Rettore Francesco Bonini (LUMSA) "l'internazionalizzazione, basata su una chiara identità, è un importante motore di sviluppo culturale e aziendale"

leggi tutto



Sorgente Group: la generazione degli immobili iconici
Il Gruppo Sorgente, attraverso le tre holding Sorgente Group Spa (Roma), Sorgente Group of America (New York) e Sorgente Group International Holding (Londra) istituisce e gestisce fondi immobiliari...

leggi tutto



Siamo logorati dalla speranza. È questo il problema di coloro che hanno cercato di difendere gli ecosistemi della terra...

leggi tutto


Copyright © 2015 Guida Monaci S.p.A. - Tutti i diritti riservati - Sede: Via Salaria 1319 - 00138 Roma - Tel. +39 068887777 Fax +39 068889996
Capitale Sociale euro 3.762.850 - C.F. e Reg. Imprese Roma 00398260588 - P. IVA 00879951002