Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetto







Sospensione dei debiti delle piccole e medie imprese


Lo scorso 1° luglio 2013 l’ABI e le Associazioni dei rappresentanti delle imprese hanno raggiunto un accordo che permette alle piccole e medie imprese di richiedere a banche e promotori finanziari:


  • la sospensione per 12 mesi delle quote capitali delle rate di mutui a medio-lungo termine;
  • la sospensione per 12 o 6 mesi della quota capitale dei canoni di leasing finanziario immobiliare o mobiliare;
  • l’allungamento della durata dei contratti di mutuo ipotecari e chirografari;
  • l’allungamento delle scadenze del credito a breve termine fino a 270 giorni;
  • l’allungamento delle scadenze del credito agrario fino a 120 giorni;
  • un finanziamento proporzionale all’aumento dei mezzi propri dell’impresa.

Il requisito principale richiesto alle aziende, che devono essere operanti in Italia ed avere un numero di dipendenti non superiore a 250 unità, nonché un fatturato non superiore ai 50 milioni di euro, è la temporanea tensione finanziaria dell’impresa, comprovata da alcuni fenomeni provanti della stessa, come la riduzione del fatturato, dei margini operativi rispetto a quest’ultimi, della riduzione delle capacità di autofinanziamento aziendale o dell’aumento dell’incidenza degli oneri finanziari rispetto al fatturato stesso. Presupposto importante per poter usufruire dell’accordo è la continuità aziendale del richiedente, che dovrà quindi documentare la richiesta (attivabile fino al 30 giugno 2014 mediante apposito modello pubblicato sul sito www.abi.it) con appositi bilanci infrannuali, business plan e cash flow. Possono accedere all’iniziativa le piccole/medie imprese che alla data di presentazione della domanda non abbiano posizioni di sofferenza rispetto gli istituti di credito o intermediari finanziari, piuttosto che partite ancora aperte o esposizioni scadute da oltre 90 giorni, nonché procedure esecutive in corso.
Se accettata, la richiesta produrrà la sospensione della quota capitale di mutui a medio-lungo termine e di leasing finanziari immobiliari e mobiliari; di conseguenza l’impresa si accollerà solamente la quota di interessi rientrante nella rata, al tasso contrattualmente pattuito.
Al termine della sospensione l’impresa riprenderà il piano di ammortamento del contratto originario, che di conseguenza presenterà una scadenza dilazionata riferita al periodo di sospensione goduto. In alternativa, per i soli contratti di mutuo ipotecario o chirografario, è prevista la facoltà di un allungamento degli stessi; proroga stabilita nella misura massima del 100% della durata residua del piano di ammortamento, ma non oltre i 3 anni per mutui chirografari e 4 anni per mutui ipotecari. Ultimo aspetto dell’accordo, che prevede concessioni di finanziamento ai fini di un aumento dei mezzi propri dell’impresa, prevede la presenza di conferimenti destinati al ripianamento delle perdite o contabilizzati a riserva, rinunce da parte dei soci di loro finanziamenti verso la società, conversioni di azioni in obbligazioni, nonché utili esercizio mantenuti nell’economia dell’impresa. Il finanziamento, rispetto all’aumento dei mezzi propri realizzato dall’impresa, non deve necessariamente essere maggiore dell’aumento dei mezzi propri stessi, ma può risultare anche di pari valore, ovvero minore, rispetto al rafforzamento patrimoniale raggiunto.

Gregorio Vitale
(riproduzione riservata)

In collaborazione con

12/09/2013
redazione@paginemonaci.it
paginemonaci.it

Condividi su Facebook

Potrebbero interessarti anche:

Studi di settore: Via libera ai correttivi anticrisi
...
Accertamento standardizzato con obbligo di contraddittorio
...
Istanza per l’allungamento o la sospensione dei debiti delle piccole e medie imprese entro il 31 dicembre 2014.
...
Pagamento compensi amministratori
...
Contenzioso tributario: nuovi termini di sospensione feriale
...
Oneri detraibili e deducibili, chiarimenti dell'Agenzia
...
LA DEDUZIONE FISCALE DEL COSTO DEI CONTRATTI DI LOCAZIONE FINANZIARIA
...
Pelli riconfermato Presidente dei laureati LUISS
L'assemblea ha rinnovato gli organi sociali confermando la Presidenza il biennio 2017/2019...
Debiti Pa, si va avanti
Moavero, se i conti lo consentiranno pronti a rivedere ancora il deficit-pil. Così si libererebbero nuove risorse per le imprese, dopo i 40 miliardi già sbloccati col decreto Pa....
Real estate, a Schroder Property il Muratti Höfe
Il Fondo RealEmerging, gestito da EstCapital SGR, gestore indipendente specializzato in fondi immobiliari, ha venduto l’immobile Muratti Höfe situato nella città di Berlino a Schroder Property per...
"Ma quale campagna elettorale, voglio salvare le aziende"
Tajani ribatte a Renzi: "se facessi davvero campagna elettorale la farei ormai da molti anni visto che sotto la mia guida è stata approvata la direttiva europea sul ritardo dei pagamenti, dal Parlame...


I Guinigi
Con le testimonianze di Comau, Coster, Electrolux Italia, Palazzoli e Remazel
ECCELLENZA NELLO SVILUPPO PRODOTTO
L’evento del 4 marzo a Milano conclude la Campagna Nazionale Qualità Galgano 2019 e rilancia la nuova edizione

>> leggi

Guarda il manifesto










 


Università e imprese
Per il Rettore Francesco Bonini (LUMSA) "l'internazionalizzazione, basata su una chiara identità, è un importante motore di sviluppo culturale e aziendale"

leggi tutto



Sorgente Group Alternative Investment: la generazione degli immobili iconici
Sorgente Group Alternative Investment, attraverso le tre holding Sorgente Group Spa (Italia), Sorgente Group of America (Usa) e Main Source (Lussemburg) opera nei settori degli immobili, della finanza, del risparmio gestito, delle infrastrutture, dei restauri, alberghi e cliniche, comunicazione...

leggi tutto



Siamo logorati dalla speranza. È questo il problema di coloro che hanno cercato di difendere gli ecosistemi della terra...

leggi tutto


Copyright © 2019 Guida Monaci S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Sede: Via Salaria 1319 - 00138 Roma - Tel. +39 068887777 Fax +39 068889996
Capitale Sociale euro 1.688.769,00 - C.F. e Reg. Imprese Roma 00398260588 - P. IVA 00879951002